Prenota la tua camera ora
  • Mar / Ven / Dom
  • 7h
  • 80

Gli step dell'escursione

  • Appuntamento in hotel
  • Arrivo a 2000 m
  • Visita di antichi crateri spenti
  • Tekking attraverso un sentiero natura del Parco dell'Etna o opzione Etna alta quota* (non inclusa nel prezzo)
  • Visita di una grotta di scorrimento lavico con caschetti e torce
  • Degustazione di vini e visita di una cantina
  • Rientro in hotel

Etna & Wine

Il tour Etna & Wine, organizzato dal Marina Palace di Acitrezza, vi porterà sul vulcano siciliano e vi permetterà non solo di visitare i caratteristici paesaggi lunari fino a 2000m di altezza, ma anche attraverso un viaggio del gusto fatto dei più buoni vini prodotti nella zona. Dopo aver raggiunto il Rifugio Sapienza, a circa 2000m di quota, potrete percorrere gli itinerari presenti ad alta quota per vivere pienamente la bellezza del paesaggio etneo. La nostra guida vi racconterà la storia del vulcano e vi parlerà delle antiche e più recenti colate laviche che hanno coinvolto la zona, mostrandovi i luoghi in cui sono avvenute e i percorsi coinvolti dalla colata lavica.

Dopo questo breve percorso potrete decidere se addentrarvi nello spirito del vulcano fino a 2504m di altezza grazie alla Funivia dell’Etna e poi ancora fino a 2900m con l’utilizzo di jeep idonee per ammirare tutta la bellezza del panorama in quota da dove è possibile, nelle giornate più terse, vedere addirittura il mare in lontananza. Sarà poi la volta della visita di una cavità di scorrimento lavico con caschetti e torce e, infine, potrete visitare una tra le migliori aziende vinicole della zona per degustare vini e spumanti locali accompagnati da un tagliere di salumi, formaggi, paté e oli di produzione locale.

L’Etna, il Signor Vulcano, è tra le bellezze della Sicilia, sicuramente la più affascinante. Nel V secolo a.C. il poeta Pindaro chiamò l’Etna, per la sua maestosità, “la colonna del cielo”, mentre la poesia popolare la esalta come “il monte dei monti la cui cima tocca il cielo stellato”. L’Etna è il simbolo più efficace della Sicilia, tanto che lo stesso Dante, quando parla della Sicilia, la chiama “l’isola del fuoco” e la indica geograficamente con preciso riferimento all’Etna come si legge nel Paradiso: “la bella Trinacria calìga tra Pachino e Peloro sopra il golfo che riceve da Euro maggior briga” ovvero la bella Trinacria manda fumo nella sua parte orientale sopra il golfo di Catania che è particolarmente vessato dal vento di Scirocco.

Ma l’Etna non è importante solo per aver colpito la fantasia di poeti come Pindaro e come Dante, perché è un continuo e inesauribile serbatoio di meraviglie. Innanzitutto non è solo un vulcano, ma un agglomerato di vulcani, come per prima ha spiegato un insigne vulcanologo siciliano, Mario Gemmellaro da Nicolosi, già nel primo Ottocento; inoltre, è un apparato vulcanico relativamente giovane perché è sorto dal mare cinquecentomila anni fa’, insieme all’apparato vulcanico delle isole Eolie. Si consiglia un abbigliamento comodo, acqua, cappello, occhiali da sole e giacca a vento.

Prenota ora la tua
Escursione
Emmè Web Agency